Notice: wpdb::prepare was called incorrectly. The query does not contain the correct number of placeholders (2) for the number of arguments passed (3). Please see Debugging in WordPress for more information. (This message was added in version 4.8.3.) in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-includes/functions.php on line 4055
Chi lo Produce? | Chicza

Chi lo Produce?

ECCARDI-090814-DSC2887

Notice: Undefined variable: post in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Undefined variable: post in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Undefined variable: post in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Undefined variable: post in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/vhosts/chicza.com/httpdocs/internacional/wp-content/themes/chicza_v1/functions.php on line 570

Consorzio Chewing-Gum

E’ affascinante vedere i Chicleros come producono la gomma nella giungla . La loro relazione con gli alberi Chicozapote è di intimità e pieno rispetto. Questo dimostra che gli uomini e l’ambiente possono interagire e sostenersi l’uno con l’altro.

“A differenza di altre regioni nel sud-est del Messico, nello Stato del Quintana Roo la proprietà e lo sfruttamento delle foreste sono nelle mani dei contadini, con una sezione di foresta ben definita per ogni comunità.” Come noi camminiamo attraverso la foresta nella città conosciuta come “Tres Garantias” nella regione meridionale dello Stato, Piporro ha menzionato che “tutto ciò ha creato consapevolezza nella nostra comunità.”
“Noi siamo interessati alla conservazione della foresta”, ha detto, “mio nonno e mio padre erano entrambi Chicleros, ed io sono nello stesso posto a fare le gomme da masticare. Abbiamo 44.000 ettari di terra come propria metà della foresta, una zona conosciuta come la riserva forestale permanente. L’allevamento del bestiame e la coltivazione sono vietati. Produciamo il chewing- gum dal legno, ma ovviamente dobbiamo sapere come farlo.”

  • Crédito: 01_ECCARDI-090814-DSC2809
  • Crédito: 02_ECCARDI-090814-DSC2829
  • Crédito: 03_ECCARDI-090814-DSC2780
  • Crédito: 04_ECCARDI-090814-DSC2781
  • Crédito: 05_ECCARDI-090814-DSC2806
  • Crédito: 06_ECCARDI-110811-DSC0821
  • Crédito: 08_ECCARDI-100806-DSC4538
  • Crédito: 07_ECCARDI-090814-DSC2950
  • Crédito: 09_ECCARDI-090814-DSC2902
  • Crédito: 10_ECCARDI-090814-DSC2911
  • Crédito: 11_ECCARDI-111201-DSC6391
  • Crédito: 12_ECCARDI4507

Questo modo di vedere le cose ha una sua storia. All’alba del ventesimo secolo, quando ad alcune aziende straniere sono state date delle concessioni per sfruttare queste foreste, i contadini sono stati assunti e sfruttati con salari molto bassi, sia per la commercializzazione del legno che per l’estrazione della gomma.

Queste aziende estere non hanno a cuore la conservazione delle foreste, non hanno mai piantato un albero, non hanno rispettato il tempo di riposo necessario per l’estrazione della gomma dell’albero Chicozapote. Herman Konrad, un ricercatore canadese che ha studiato la storia della regione per molti decenni, ha estimato che durante quel periodo, nello Stato del Campeche, il 20% degli alberi non era in grado di recuperare e di riposare per produrre altro chicle, e più di un milione di alberi sono scomparsi tra il 1929 e il 1930. I vecchi insediamenti dei Chicleros hanno dato luogo a nuove comunità forestali, che attualmente proteggono le riserve produttive della foresta nella penisola dello Yucatan.

Le concessioni sono state ritirate nel 1930, trasferendo le proprietà alle comunità locali. Questo cambiamento ha portato immediati risultati positivi per la qualità della vita dei contadini; il reddito dalle vendite di gomma è aumentato del 300 % e diversi piccoli insediamenti sono stati organizzati dove si stabilirono le comunità locali.
Quando finalmente hanno avuto accesso all’acqua corrente furono costruiti ospedali e scuole; in pochi anni queste comunità hanno cominciato a rilevare l’intero sviluppo della gomma da masticare. Fu così che si è formata la prima cooperativa di produttori di Chicle.
Tuttavia, alla luce del calo della domanda della gomma da masticare naturale nel mercato internazionale, l’industria ha subito un grave danno economico: dai 20,000 chicleros attivi nel 1942, il numero è stato ridotto a soli 1,000 nel 1994.

In questo stesso anno, nel mezzo della crisi, le attività sono state ristrutturate con la creazione di un programma pilota Chiclero, nello stato di Quintana Roo. Questo programma è stato sviluppato sulla base di input diretti dai produttori, il cui obiettivo era quello di promuovere un nuovo modello di organizzazione produttiva e commerciale. Nel 2003 fu formato il Consorzio Chiclero come un’impresa sociale che ha dato luogo alla fusione di più cooperative e alla produzione rurale negli stati di Quintana Roo e Campeche. “Noi abbiamo raggiunto un punto di equilibrio tra il prezzo di vendita ed i costi di produzione” spiega Manuel Aldrete, il direttore esecutivo del Consorzio, “con una più equa distribuzione dei benefici e di una maggiore partecipazione dei coltivatori nel processo decisionale.”

Dopo quattro anni di ricerca finanziata da privati, il Consorzio ha ottenuto sei formule differenti per la produzione della gomma nota come chewing-gum. All’inizio del 2007, il Consorzio ha installato un impianto pilota per la produzione di gomma da masticare potendo applicare, così, le formule per produrre, a livello artigianale, una gomma realizzata con almeno il 40 % da lattice biologico certificato, mescolata con profumi, aromi e additivi completamente naturali, consolidando così un processo di appropriazione di una risorsa naturale che è stato commercializzata come materia prima grezza per più di un secolo.

Il Consorzio Chiclero, che sovrintende la produzione, la logistica, il commercio e le finanze, ha dimostrato che è possibile ottenere un raccolto di gomma sostenibile, quindi produrre Chicza creando un business molto redditizio.

Dopo cinque anni dal suo inizio, l’intenzione di offrire valore aggiunto e trasformare la materia prima in gomma da masticare, il coraggio e la perseveranza di tutto il Consorzio Chiclero hanno generato ottimi risultati: oggi, questo prodotto così elaborato rappresenta un reddito sei volte maggiore per un Chiclero. Ogni persona che prova una tavoletta di gomma Chicza in qualsiasi parte del mondo contribuisce personalmente e direttamente al benessere dei produttori nelle foreste tropicali del Messico del Sud, aiutando a mantenere in vita la Foresta Maya.

  • Crédito: 01_ilustración
  • Crédito: 03_DSC4158
  • Crédito: 04_caoba
  • Crédito: 06_ECCARDI4496
  • Crédito: 07_ECCARDI7692
  • Crédito: 08_ECCARDI-100806-DSC4520
  • Crédito: 09_ECCARDI-100806-DSC4544
  • Crédito: 10_ECCARDI4487
  • Crédito: 11_ECCARDI-100806-DSC4566
  • Crédito: 12_ECCARDI7684
  • Crédito: 13_ECCARDI-090814-DSC7681
  • Crédito: 14_ECCARDI-090814-DSC2849

La sua Storia

Non sappiamo per certo se gli antichi Maya consumassero gomma da masticare, ma gli Aztechi (Mexicas) sicuramente si. E’ noto che le prostitute lo masticassero per distinguersi nella vita pubblica, e che è stata data anche ai bambini a casa per pulire i loro denti.

Come racconta una leggenda, un americano di nome Thomas Adams, dopo non essere riuscito a vulcanizzare il lattice come sostituto della gomma usata per le ruote delle diligenze (un’ attività commissionata dal generale messicano Antonio Lopez “Santana”), ha avuto la geniale idea di cuocere il lattice aggiungendo del sapore e lo zucchero al fine di venderlo. Questo fu il primo tentativo di commercializzazione riuscito. Ma il vero successo è arrivato durante la seconda guerra mondiale quando i soldati americani usarono la gomma da masticare per scaricare la tensione diffondendo questo gesto in ogni angolo del mondo. L’estrazione del lattice ha raggiunto il suo picco nel 1943 quando il Messico esportò 8,165 tonnellate di gomma naturale negli Stati Uniti.

Dopo la guerra, sono stati trovati sostituti sintetici a base di olio che hanno causato il declino della produzione della gomma, e solo poche aziende hanno continuato ad usare la gomma base naturale. Il mercato Asiatico è stato un grande consumatore di gomma e l’aumento della produzione della gomma sintetica ha creato la necessità di sviluppare una propria formula per la produzione della gomma naturale, la quale ha portato la loro attenzione verso la foresta del Gran Peten.

  • Crédito: 01_FlorentinoMascadorChicle
  • Crédito: 02_Antonio_Lopez_de_Santa_Anna_c1870
  • Crédito: 03_Adams_imgres
  • Crédito: 04_8638449_1
  • Crédito: 05_images-1
  • Crédito: 06_images
  • Crédito: 07_1912_Gum_vendors
  • Crédito: 08_F1541Guat-942546b
  • Crédito: 09_factory_chewing_gum_1923
  • Crédito: 10_[Gum-sorting-and-inspection-dept_-at-American-Chicle-Company-plant]b
  • Crédito: 11_WilliamWrigley
  • Crédito: 12_6a00d83542d51e69e2017c36f1c68b970b
  • Crédito: 13_8d17436v
  • Crédito: 14_reedsbutterscotch1b
  • Crédito: 15_Periodico
  • Crédito: 16_wrigleys1953
  • Crédito: 17_leatmintgumb
  • Crédito: 18_158313672_--ad-chiclet-mint-chewing-gum-candy-cadbury-adams-
  • Crédito: 19_AdamsChewingGum-1920A
  • Crédito: 20_zbyn1oe37lgxl8
  • Crédito: 21_8500775_1
  • Crédito: 21_King-Size-Gumball-Machine_20090647402

La Normativa Ambientale

Tra i suoi obiettivi, il Consorzio Chiclero include la generazione di benefici economici per i suoi membri, il ripristino delle aree degradate e la gestione e conservazione delle risorse forestali per le generazioni future. La gestione di queste aree degradate sarà fatta attraverso la creazione di “piantagioni forestali commerciali” con specie autoctone in rapida crescita, che prevede di generare ricavi entro un periodo di tempo non superiore a 10 anni.

Il Consorzio Chiclero dispone delle infrastrutture per la produzione di più di 2 milioni di piante di specie forestali diverse, che poi verranno collocate in “piantagioni commerciali” per la manutenzione futura. Il Consorzio dispone di circa 2000 ettari per la creazione e la manutenzione delle sue piantagioni di specie forestali a rapida crescita come la brosimum alicastrum, l’albero di palme da dattero, l’albero di pepe della Giamaica e ovviamente anche l’albero Chicozapote.

Il progetto prevede la produzione di 660,000 alberi di Chicozapote (Manilkara Zapota), 770,000 alberi di Breadnut (Brosimun alicastrum) e 770,000 piante di pepe della Giamaica (Pimenta Dioica), nonché la creazione e la manutenzione di una superficie pari a 2,000 ettari.

Tutto questo contribuirà a diversificare le attività produttive della foresta (tipo il modello “Ejido” che in Messico sono proprietà rurali di uso collettivo ancora esistenti per la vita agricola del paese) garantendo protezione, ristoro e conservazione dell’ambiente contribuendo in maniera incisiva ad una qualità di vita migliore per tutti i produttori e le comunità che partecipano al progetto. Il progetto creerà 2,000 posti di lavoro “diretto” e 4,000 posti di lavoro “indiretti”.

Tra il 2008 e il 2009 insieme alla fondazione HSBC, il Consorzio Chiclero ha investito circa 230,000 euro per riprendersi 23,000 ettari di terra.

  • Crédito: 01_ECCARDI-070313-DSC4260
  • Crédito: 02_ECCARDI-070313-DSC4255
  • Crédito: 04_ECCARDI-100806-DSC4595
  • Crédito: 03_ECCARDI-070313-DSC4248
  • Crédito: 05_ECCARDI-100806-DSC4590
  • Crédito: 06_caoba02
  • Crédito: 07_ECCARDI-070313-DSC4285
  • Crédito: Una de las caobas m‡s viejas en la regi—n de Calakmul, Chacchoben, Quintana Roo
CONTATTO
consorcio_chiclero Consorcio Chiclero, SC de RL
Independencia 15
Centro
77000 Chetumal, Quintana Roo
Email:
Mayan Rainforest Co Ltd
Units C&D Walton Avenue
Felixstowe, Suffolk
1P11 3HH United Kingdom
CERTIFICAZIONI
certs